Francesco Truchi

Francesco Truchi si convertì alla fede evangelica dopo una profonda crisi di coscienza. Rifugiatosi a Ginevra nel 1559, vi rimase quattro anni per studiare la Scrittura e prepararsi ad un ardente apostolato nella sua terra natia. Nel 1563, infatti, Truchi tornò in Piemonte e per trent’anni si adoperò come evangelista e pastore nelle comunità di Val Grana, Angrogna, Dronero e Luserna San Giovanni. Dal ’67 al ’72 patí un’ orrenda prigionia nei sotterranei del castello di Saluzzo, ma una volta liberato, riprese indomito la sua opera evangelica: fino al ’93, anno in cui, ammalatosi di tifo, morì. Truchi ci ha lasciato due importanti manoscritti: una Confessione di fede, redatta dal carcere, nella quale spiega, fra l’altro, le ragioni che lo spinsero a lasciare la religione cattolica e abbracciare la fede evangelica; e una lunga Lettera dottrinale, indirizzata ad una nobile donna piemontese che, incerta, si interrogava su come riconoscere “la vera chiesa di Dio”. Nel 1580, sotto pseudonimo, Truchi pubblicò anche un libro intitolato Il Piovano, cioè sedici sermoni composti da messer Vittor de’ Popoli. Profondi nei contenuti, incisivi nell’applicazione pratica, intensi nello spirito, questi sermoni costituivano di fatto una straordinaria somma della fede cristiana. In questo volume ne ripubblichiamo sei, interamente dedicati al tema della preghiera.

0 - 40 di 1 results for

Indietro
Avanti