Il tuo account
Il popolo dei discepoli: contributi per un'ecclesiologia Evangelica
Il popolo dei discepoli: contributi per un'ecclesiologia Evangelica

Il popolo dei discepoli: contributi per un'ecclesiologia Evangelica

,
  0.00
Più di 15 copie con disponibilità immediata
Nostro prezzo  €10,50

Questo libro raccoglie alcuni scritti ecclesiologici che P. Bolognesi ha pubblicato a partire dalla fine degli anni 70 sino ad oggi. Il rigore del sistematico ed il cuore del pastore hanno proceduto insieme...
Produttore:
Alfa e Omega
Codice prodotto: 1001000002901
Peso: 0,180kg
Rilegatura: Brossura
Lingua: Italiano

Contenuto libro

INDICE

Introduzione di Leonardo De Chirico

I. Il popolo convocato e mandato
1. L’uso biblico del termine ekklesia
2. Matteo 18,20 e la dottrina della chiesa
3. Matteo 28,16-20 e il suo contenuto
4. Mandato culturale e mandato missionario


II. Il popolo confessante e celebrante
5. Le basi bibliche della confessione di fede
6. Note su alcune obiezioni alla confessione di fede
7. Confessione di fede di una giovane chiesa
8. Culto e celebrazione


III. Il popolo ammaestrato ed accompagnato
9. La predicazione e la cura pastorale
10. Per una deontologia pastorale
11. Le funzioni degli anziani
12. Tesine riassuntive sul ministero femminile
13. Vademecum per visite agli ammalati
14. Ordine e disciplina nell’assemblea

Nota bibliografica
Bibliografia di Pietro Bolognesi (1976-2002)

Prefazione

Non è affatto riduttivo sostenere che il valore di una teologia si misura nella concretezza della vita della chiesa. Altri criteri di valutazione, per quanto importanti, sono, in fondo, secondari rispetto alla sua spendibilità ecclesiale. La riflessione teologica è irrimediabilmente astratta e in fondo inutile se non fa dell’ecclesiologia un suo passaggio fondamentale. Quest’ultima è il crocevia attraverso il quale, prima o poi, un pensiero teologico deve passare se vuole essere un vero pensiero e non un mero esercizio di retorica teologica. Inoltre, la vita della chiesa evidenzia la rilevanza di una teologia e la sua capacità di tradursi in un modello di riferimento per la comunità dei credenti. La vita della chiesa, infatti, registra fedelmente le ricadute della teologia da cui è nutrita.

Ciò che è vero per la teologia è estendibile ai teologi in quanto tali. Nella storia del cristianesimo, i migliori teologi sono stati primariamente uomini di chiesa nel senso che hanno contribuito a valorizzare il profilo biblico della chiesa, vivendo in prima persona le dinamiche storiche della chiesa del loro tempo. Il contributo di un teologo si verifica nell’impegno nella chiesa e nell’impatto che la sua teologia ha nella vita della chiesa. Questo è a maggior ragione vero per la teologia evangelica che di solito viene criticata per essere eccessivamente debole sul piano ecclesiologico ed alquanto evanescente nei suoi risvolti ecclesiali.

Queste considerazioni preliminari aiutano a presentare questo volume di scritti ecclesiologici. Si tratta di una raccolta di contributi che Pietro Bolognesi ha pubblicato a partire dalla fine degli anni Settanta sino ad oggi, a testimonianza della persistenza dell’interesse per i temi ecclesiologici nell’arco di questi ultimi venticinque anni. L’ecclesiologia è stato uno dei fuochi principali della sua elaborazione teologica, così come l’impegno ecclesiale ha caratterizzato la sua esistenza teologica sin dai suoi anni giovanili. Il rigore del sistematico ed il cuore del pastore hanno proceduto insieme contribuendo a dare ai suoi scritti la profondità del teologo ed il calore dell’uomo di chiesa. Non ci si deve stupire, quindi, se una raccolta parziale dei suoi scritti giovanili verta proprio sull’ecclesiologia. In attesa che tutti gli scritti giovanili siano ripubblicati in modo integrale, questo volume è un punto di partenza sicuramente significativo per confrontarsi con il pensiero dell’autore.

I contributi qui raccolti hanno un carattere più o meno occasionale, anche se s’intravede un progetto ecclesiologico che Bolognesi ha esplorato, approfondito e perseguito con passione e lucidità. Nati e pubblicati in circostanze diverse, essi possono essere pensati come dei materiali impiegati per la costruzione di un’ecclesiologia evangelica. Il titolo scelto: Il popolo dei discepoli, pur non essendo rintracciabile (salvo errore) nei suoi scritti, vuole comunque essere un tentativo di rendere ragione di una visione della chiesa che costituisce il minimo comune denominatore dell’ecclesiologia che emerge dal volume. Tra le immagini bibliche della chiesa, quella di popolo (che Bolognesi evoca spesso nella predicazione e nell’insegnamento) permette di sottolineare lo sviluppo del piano di Dio all’insegna della costituzione di una schiera, di una progenie, di una stirpe a cui Dio si è legato con un’alleanza di grazia. Il popolo di Dio collega i patriarchi ai padri della chiesa, i profeti ai riformatori, gli apostoli ai predicatori dei risvegli dell’epoca moderna e comprende le generazioni di credenti che si sono susseguite nel corso della sua storia millenaria. Comprendere la chiesa come “popolo” è una chiave per valorizzare il significato teologico della chiesa e lo spessore storico della sua identità, oltre a permettere di apprezzare il valore intrinsecamente comunitario della fede evangelica. Il popolo di Dio non è un popolo qualunque. Esso è composto da discepoli (altro termine caro a Bolognesi!), cioè da persone chiamate da Dio alla sequela cristiana ed impegnate in un cammino di discepolato. Essere discepoli è la cifra della vita cristiana, il motore dell’esistenza rigenerata dallo Spirito, il profilo dell’impegno riqualificato dalla grazia. La chiesa dei discepoli è quindi una chiesa confessante votata all’ubbidienza del mandato ricevuto dal Signore. In attesa che Bolognesi ci dia il frutto maturo della sua ecclesiologia, ci si può accontentare di questa succosa primizia.

Infine, due parole sulle motivazioni che hanno spinto alla pubblicazione di questa raccolta. Essa è stata realizzata all’insaputa dell’autore e nasce dal desiderio di celebrare due avvenimenti entrambi legati all’anno in corso. Il primo è il passaggio della direzione della rivista Studi di teologia da Pietro Bolognesi a chi scrive. Dopo averla fondata con lungimiranza nel 1978 e diretta con vigore e visione per venticinque anni, il direttore passa la mano lasciando in eredità un patrimonio di gran valore e dalle notevoli potenzialità. Molti dei contributi pubblicati qui sono apparsi originariamente sulle pagine di Studi di teologia in quanto la rivista ha costituito uno dei principali luoghi della riflessione teologica in campo evangelicale. Il volume vuole quindi essere un’attestazione di sentita riconoscenza a Pietro Bolognesi per il coraggio e la tenacia con cui l’ha diretta. Numerose persone hanno potuto approfondire cosa significhi essere il popolo dei discepoli proprio dalle pagine della rivista. Più in generale, se il mondo evangelicale italiano oggi ha almeno la possibilità di non essere teologicamente analfabeta, lo si deve in gran parte a quell’impresa avviata nel 1978.

Il secondo evento che questo volume vuole celebrare è l’inaugurazione del nuovo centro studi dell’Istituto di Formazione Evangelica e Documentazione di Padova in via Pietro Martire Vermigli. Anche in questo caso, Pietro Bolognesi è stato l’artefice principale di questo progetto importante per la promozione della teologia evangelicale in Italia. Il fatto che la nuova sede di IFED sia situata in una via intitolata al grande riformatore italiano Vermigli non fa che conferire al centro stesso un profilo ancora più ricco e promettente. Un popolo di discepoli ha certamente bisogno di luoghi di pensiero per sviluppare una cultura evangelica ancorata saldamente alla Parola di Dio, collegata al retaggio della storia del popolo di Dio e creativamente impegnata ad interloquire con le istanze poste dal tempo presente. Tenuta presente la vocazione di IFED, il volume vuole essere un piccolo segno di gratitudine a chi, come Bolognesi, ha lavorato in modo infaticabile affinché la costruzione del centro potesse essere realizzata. Il mondo evangelico italiano non è forse abituato a celebrare degli avvenimenti significativi e a riconoscere un debito di riconoscenza verso persone che Dio ha usato e continua ad usare. Questa è una limitazione di cui è bene liberarsi. Un’autentica gratitudine al Signore sa coltivare il senso della celebrazione e sa anche riconoscere la Sua opera in uomini e donne che lo servono con integrità. Il tutto all’insegna dell’evangelico soli Deo gloria!

In conclusione, desidero ringraziare Sergio De Blasi per la collaborazione nel lavoro editoriale e nella ricerca bibliografica; mio fratello Giuseppe per la realizzazione della copertina; Luigi Dalla Pozza per i suggerimenti che, in uno stadio embrionale del progetto, hanno permesso a questa raccolta di assumere l’attuale fisionomia; l’editore Alfa & Omega per la disponibilità ad accogliere l’opera nella collana “Ekklesia” da cui ci aspettiamo un apporto significativo alla crescita delle chiese evangeliche in Italia. Tra le altre cose, il nostro Paese ha bisogno di un popolo di discepoli. Voglia il Signore usare anche questa raccolta per la formazione di un simile popolo.


Leonardo De Chirico

Istituto di Formazione Evangelica e Documentazione

Padova, 22 aprile 2002
Scrivi una recensione per questo prodotto

Commenti

Devi eseguire il login per aggiungere una recensione.

Leonardo De Chirico
Professore di teologia storica Nato a Mantova nel 1967. Ha studiato all’Università di Bologna (Laurea in storia) e all’Evangelical Theological College of Wales (Diploma studi teologici). Ha conseguito il dottorato di ricerca (PhD) al King’s College di Londra. Corso di perfezionamento in bioetica presso l’Università di Padova. E’ stato pastore di una chiesa evangelica a Ferrara (1997-2009) e dal 2009 è pastore della chiesa riformata battista a Roma. E’ professore di teologia storica all’IFED di Padova (1997-). E’ direttore di Studi di teologia (2003-) e direttore del Centro studi di etica e bioetica dell’IFED. E’ anche vice-presidente dell’Alleanza Evangelica Italiana, membro del Comitato esecutivo della Feet e della Commissione teologica della WRF.

Pietro Bolognesi
Pietro Bolognesi (Bologna, 22 aprile 1946) è un pastore e teologo italiano di fede protestante. Attualmente, vive a Padova. Formatosi nell’ambito delle Assemblee dei fratelli, è pastore di una Chiesa evangelica di Padova. Docente di teologia sistematica presso l’Istituto di Formazione Evangelica e Documentazione (IFED) di Padova e Fellow all'Institute of Reformed Baptist Studies presso il Westminster Theological Seminary della California e membro del comitato di referenza della Federazione dei teologi evangelici europei (FEET) e già membro della commissione teologica della Alleanza evangelica mondiale (WEA) e professore di teologia presso l'Istituto Biblico Evangelico (IBEI).