Storia delle chiese Medotiste in Italia (1859 - 1915)

Proprietà

ISBN: 9788870163179
Produttore:
Claudiana
Codice prodotto: 9788870163179
EAN: 9788870163179
Dimensioni:
155 x 210 x 12 mm
Peso: 0,230kg
Rilegatura: Brossura
Numero di pagine: 160
Lingua: Italiano

Disponibilità immediata

Nostro prezzo €9,81

Storia delle chiese Medotiste in Italia (1859 - 1915)

Franco Chiarini

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.

Descrizione

Le chiese metodiste italiane si stanno interrogando sul contributo specifico da offrire sia nell'àmbito dell'Integrazione fra le chiese metodiste e valdesi, sia in quello più ampio della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, sia in quello ancora più ampio dell'evangelismo italiano: un processo che le chiese metodiste considerano irrinunciabile, che non subiscono, ma che hanno da sempre contribuito a promuovere perché ciò fa parte della propria identità.

Quando nel 1859 il rev. William Arthur, inviato dalla Società missionaria metodista della Gran Bretagna, giungeva in Italia, oltre che mostrare interesse per gli eventi politici in atto e per la rinascita religiosa degli italiani, mostrò sincera preoccupazione per i destini presenti e futuri dell'evangelismo italiano. Nel 1873 il rev. Leroy Vernon, inviato dalla Chiesa metodista episcopale degli Stati Uniti d'America, nel suo rapporto annuale, scriveva che "la competizione fra le diverse opere spesso ha molto pregiudicato il lavoro, ed in alcuni casi è stata addirittura distruttiva per la causa dell'evangelizzazione in alcune località".

Questi sono alcuni dei molti riferimenti a quella sensibilità unitaria del metodismo italiano delle origini che si possono leggere nel libro di Franco Chiarini. Un libro che ho il piacere di indicare alla lettura ed allo studio dei metodisti e degli evangelici italiani che insieme si interrogano sulla testimonianza in questo Paese, che ricercano insieme un modo efficace e significativo di essere chiesa evangelica per questa generazione.

Non si tratta di un libro apologetico e, quindi, in definitiva rivolto al passato, ma di una ricerca che potremmo definire ad un tempo rigorosa e spregiudicata delle nostre radici, della nostra identità, in maniera da ricavarne stimoli e spinte per il futuro.

I clienti che hanno scelto questo articolo hanno scelto anche: