Vita e morte di Michele Serveto

Proprietà

ISBN: 9788864115023
Produttore:
Fazi Editore
Codice prodotto: 9788864115023
EAN: 9788864115023
Dimensioni:
140 x 214 x 22 mm
Peso: 0,440kg
Rilegatura: Brossura
Numero di pagine: 296
Lingua: Italiano

Disponibilità immediata

Nostro prezzo €18,50

Vita e morte di Michele Serveto

Introduzione di Adriano Prosperi

Roland H. Bainton

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.

Descrizione

«La polemica che nell'Europa riformata si accese subito dopo la sentenza capitale non si è mai placata. Bainton non polemizza: invita a capire gli uomini di quel tempo. Secondo lui, la morte di Serveto ebbe l'effetto di porre la questione della libertà religiosa».
Adriano Prosperi

Studioso e medico spagnolo, testimone delle persecuzioni contro ebrei e musulmani, autore di un libro esplosivo dal titolo Gli errori della Trinità, Michele Serveto fu a lungo costretto a vivere sotto falso nome (Michel de Villeneuve) per sfuggire all'Inquisizione cattolica.

Qyando però giungerà nella protestante Ginevra, verrà arrestato e bruciato in una pubblica piazza per ordine di Giovanni Calvino. 
Era il 27 ottobre 1553 e Serveto aveva 42 anni.

Il suo caso riecheggiò in tutta Europa, segnando l'inizio dell'idea moderna di tolleranza religiosa. Commentandone la morte a distanza di pochi mesi, l'umanista francese Sebastiano Castellione scrisse le celebri parole: «Decidere un uomo non significa difendere una dottrina, ma solo uccidere un uomo».

Oggi Michele Serveto rappresenta uno dei simboli più vividi e drammatici della lotta per la libertà di pensiero, accanto a Giordano Bruno e Galileo Galilei. Le sue idee sull'uomo nato libero e innocente, sul mistero della divinità che è rigorosamente unitario, sono sopravvissute alla distruzione del suo corpo e dei suoi libri.

Qyesta biografia, opera di uno dei più autorevoli e brillanti storici contemporanei e tradotta per la prima volta in Italia, farà sperimentare al lettore l'emozione dell'incontro con la vita e la morte di Michele Serveto, e sarà come un monito a essere sempre in prima linea nella difesa della libertà di coscienza.
Roland H. Bainton