Il tuo account

La chiamata al ministero

La chiamata al ministero

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.
Disponibilità
Più di 15 copie con disponibilità immediata
Nostro prezzo  €9,00

Descrizione

L’autore del libro s’indirizza “in primo luogo, a coloro che si sono consacrati ad un ministero d’insegnamento e di predicazione della Parola di Dio come anziani e, in secondo luogo, a coloro che esercitano un dono d’insegnamento nel contesto di una chiesa locale, senza però occupare la responsabilità dell’ufficio pastorale”.George Whitefield, in un sermone intitolato "il metodo della grazia", esordì affermando che «se la benedizione più grande che Dio può mandare per favorire un popolo è un ministro fedele, sincero ed integro, non c'è maledizione maggiore di quella che Dio lo abbandoni a guide cieche, carnali, tiepide, incapaci ed inconvertite». Per questa ragione la pubblicazione di questo libro è accompagnata dalla preghiera che «il Signore della messe mandi degli operai nella sua messe», affinché la chiesa di Dio in Italia sia edificata e giunga «all'unità della fede e della piena conoscenza del Figlio di Dio».Albert N. Martin si convertì quando era studente nel 1952. Nel 1962, dopo un periodo di predicazione itinerante durato cinque anni, accettò la richiesta di diventare pastore della Trinity Baptist Church di Montville, nel New Jersey (USA). Negli anni, dio ha benedetto questo suo servo, usandolo per promuovere nelle chiese evangeliche una concezione biblica del ministero cristiano.

Proprietà

Produttore:
Alfa e Omega
Codice prodotto: 1001000002598
Peso: 0,190kg
Rilegatura: Brossura
Lingua: Italiano

Contenuto libro

Introduzione
1. Sei ragioni sbagliate per cui alcuni aspirano al ministero d’insegnamento

2. I quattro elementi essenziali di una chiamata genuina

3. Le capacità intellettuali necessarie per svolgere il ministero pastorale

4. I dono spirituali necessari per svolgere il ministero pastorale

5. Le capacità tecniche necessarie per svolgere l’opera pastorale

Appendice

La chiamata al ministero (di Charles Spurgeon)

Capitolo gratuito

INTRODUZIONE

Tutto ciò che dirò, dovrà essere riferito a due categorie di credenti. Naturalmente non parliamo di differenze di classe sociale e non desideriamo negare la verità del sacerdozio di tutti i credenti. Ci riferiamo, invece, alla diversità di doni spirituali e al loro esercizio nell’ambito delle chiese locali. Ciò che sarà detto riguarderà, in primo luogo, coloro che si sono consacrati ad un ministero d’insegnamento e di predicazione della Parola di Dio come anziani e, in secondo luogo, coloro che esercitano un dono d’insegnamento nel contesto di una chiesa locale, senza però occupare la responsabilità dell’ufficio pastorale. Il soggetto che ci proponiamo di considerare riguarda la chiamata al ministero della predicazione della Parola di Dio. Per dare immediatamente un fondamento biblico alla nostra indagine e portare così la nostra mente a pensare secondo la prospettiva della Scrittura, desidero citare e poi commentare brevemente quattro passi biblici molto importanti.


La responsabilità della chiesa.

Nel capitolo due della seconda lettera di Paolo a Timoteo si legge: «Tu dunque, figlio mio, fortìficati nella grazia che è in Cristo Gesù, e le cose che hai udite da me in presenza di molti testimoni, affidale a uomini fedeli, che siano capaci di insegnarle anche ad altri» (vv. 1-2). Timoteo doveva prestare attenzione ed esercitare discernimento riguardo a due aspetti della vita di coloro che avrebbero potuto essere chiamati al ministero d’insegnamento. Egli doveva valutare il loro carattere cristiano ed accertarsi che fossero uomini “fedeli” e “capaci d’insegnare anche ad altri”. La stessa responsabilità che nel testo è attribuita a Timoteo, un rappresentante degli apostoli, oggi ricade sulla chiesa. La chiesa locale ha il dovere di esercitare un attento giudizio riguardo al carattere cristiano e ai doni di servizio degli uomini che la compongono. è chiaro, quindi, che nella valutazione di una chiamata alla predicazione è da escludersi ogni forma di individualismo, che è stato una delle piaghe che più ha danneggiato la vita della chiesa negli ultimi ottant’anni circa. Oggi, il solo esprimere delle riserve sulla legittimità della chiamata al ministero di una persona che afferma di sentire l’impeto della vocazione divina, è considerato come una bestemmia. Chi dimostra di avere dei dubbi, si sente rispondere: «Dio mi ha detto di predicare»! Tuttavia, il passo biblico che abbiamo appena letto demolisce tale atteggiamento. Colui che aspira all’esercizio del ministero deve essere sottoposto ad un giudizio esterno riguardo alla sua “fedeltà” ed alla sua “capacità d’insegnare” e la responsabilità di questo giudizio è della chiesa locale.

La responsabilità dell’individuo.

Avendo considerato il dovere della chiesa a proposito della chiamata ad un ministero d’insegnamento, veniamo ora alla responsabilità individuale. L’apostolo Paolo, dopo aver esposto esaurientemente le dottrine della grazia nei primi undici capitoli della lettera ai Romani, esorta tutti i credenti a rispondere alle compassioni di Dio con una rinnovata consacrazione personale: «Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale. Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà. Per la grazia che mi è stata concessa, dico quindi a ciascuno di voi che non abbia di sé un concetto più alto di quello che deve avere, ma abbia di sé un concetto sobrio, secondo la misura di fede che Dio ha assegnata a ciascuno. Poiché, come in un solo corpo abbiamo molte membra e tutte le membra non hanno una medesima funzione, così noi, che siamo molti, siamo un solo corpo in Cristo, e, individualmente, siamo membra l’uno dell’altro. Avendo pertanto doni differenti secondo la grazia che ci è stata concessa, se abbiamo dono di profezia, profetizziamo conformemente alla fede; se di ministero, attendiamo al ministero; se d’insegnamento, all’insegnare; se di esortazione, all’esortare; chi dà, dia con semplicità; chi presiede, lo faccia con diligenza; chi fa opere di misericordia, le faccia con gioia» (Romani 12:1-8).

In questo passo, l’apostolo esorta i cristiani di Roma a giungere ad una sobria valutazione dei propri doni. Nel valutare se stessi si potrebbe cadere in due errori: quello di sopravvalutare i propri talenti e quello di sottovalutarli. Ambedue questi estremismi sono peccato. Quindi, è possibile avere un concetto troppo alto di se stessi e pensare di avere il dono dell’insegnamento quando si ha, forse, il dono di fare opere di pietà. D’altro canto, si potrebbe avere anche un concetto troppo misero di se stessi. In questo caso, colui che ha ricevuto effettivamente il dono d’insegnamento, non lo riconosce oppure, a causa di una falsa umiltà, si tira indietro e non esercita il ministero al quale è stata chiamato. L’apostolo condanna ambedue questi eccessi e ci richiama prima ad una sobria valutazione di noi stessi e poi a consacrarci nel pieno esercizio delle capacità che Dio ci ha donato.

Una giusta ambizione.

Il terzo passo che vorrei considerare è il seguente: «Certa è quest’affermazione: se uno aspira all’incarico di vescovo, desidera un’attività lodevole» (I Timoteo 3:1). Da queste parole appare evidente che secondo Paolo una giusta ambizione per il ministero pastorale è una cosa degna di lode. Nel testo non vi è alcuna indicazione che il desiderio di essere un anziano di una chiesa locale sia di per sé peccaminoso. Anzi, la frase “se uno aspira all’incarico di vescovo, desidera un’attività lodevole” era divenuta nella chiesa un’affermazione “certa”, ossia un detto conosciuto fra i cristiani, un modo di dire in voga nel linguaggio corrente della chiesa primitiva, almeno nell’area dove Timoteo operava. Tale parola era “certa”, come “certa e degna di essere pienamente accettata” era l’affermazione che “Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori” (I Timoteo 1:15). Dunque, il desiderio di essere vescovo non è di per sé peccaminoso.

Ma leggiamo ora Giacomo 3:1: «Fratelli miei, non siate in molti a far da maestri, sapendo che ne subiremo un più severo giudizio». Con queste parole, sembra che Giacomo stia cercando di scoraggiare coloro che potrebbero avere il desiderio di svolgere un ministero d’insegnamento. Infatti, se consideriamo soltanto l’incoraggiamento di Paolo senza prendere in considerazione l’avvertimento di Giacomo, la nostra prospettiva sarà sbagliata. Lo stesso è vero se ci soffermiamo su Giacomo senza riflettere sulle parole di Paolo. Ambedue i testi sono necessari affinché la nostra prospettiva sia equilibrata. Il desiderio di insegnare è una cosa buona, ma non deve essere l’aspirazione di tutti.

I quattro testi che abbiamo considerato ci aiutano a comprendere la grande serietà con la quale dobbiamo affrontare la questione della chiamata al ministero d’insegnamento, sia in relazione ad un ministero pastorale, sia in riferimento all’esercizio di un dono d’insegnamento in un contesto più limitato.

Estratto del primo capitolo

SEI RAGIONI SBAGLIATE PER CUI ALCUNI ASPIRANO AL MINISTERO D’INSEGNAMENTO

Ritengo necessario iniziare ad approfondire l’argomento della chiamata al ministero pastorale valutando sei ragioni o motivazioni sbagliate per le quali alcuni, purtroppo, desiderano esercitare, o già esercitano, un ministero di insegnamento.

1. Una valutazione errata dei propri doni.

è proverbiale che in quasi ogni piccola chiesa di campagna vi sia una carissima sorella anziana convinta che la cosa migliore che può fare per la sua chiesa è cantare un assolo ogni settimana. Il problema è che vi è solo una persona che apprezza la sua voce: se stessa! Per tutti gli altri, queste sue appassionate ‘performance’ con un’estensione vocale che non supera le tre note, sono un peso enorme. Il problema di questa cara sorella non è la mancanza di sincerità. è convintissima che il suo ‘ministero’ musicale sia una vera benedizione per la congregazione. Il suo problema è che la valutazione che ha fatto delle proprie capacità vocali è completamente sbagliata. Inoltre, la nostra cara sorella tende ad essere sorda alle amorevoli riserve che, di tanto in tanto, i fratelli e le sorelle provano ad esprimere riguardo al suo ‘ministero’ e reagisce giudicandoli completamente incapaci di apprezzare le cose belle della vita. Il problema diventa molto più grave quando si compiono errori di valutazione riguardo al ministero dell’insegnamento. Infatti, un conto è sopportare qualche stonatura una volta a settimana, ma quando i santi di Dio sono costretti a subire lo strazio dell’ascolto, settimana dopo settimana, di uomini che predicano senza aver ricevuto da Dio alcun dono d’insegnamento, dal loro cuore sorge lo stesso grido di Caino: «Il nostro castigo è troppo grande perché noi lo possiamo sopportare!» (Genesi 4:13).

Il problema è che non si è compreso l’insegnamento dell’apostolo: «Dico a ciascuno di voi che non abbia di sé un concetto più alto di quello che deve avere, ma abbia di sé un concetto sobrio, secondo la misura di fede che Dio ha assegnata a ciascuno» (Romani 12:3). Come ho indicato in precedenza, deve esserci una valutazione sobria di se stessi, che non sopravvaluti né sottovaluti i doni che Dio ha concesso. In molti casi, ciò che porta a sopravvalutare i propri doni e le proprie capacità è l’orgoglio. In altri, invece, è una questione di ignoranza. La conseguenza è che non si giunge ad una corretta comprensione delle grazie necessarie per esercitare il ministero d’insegnamento o di predicazione. Oltre a ciò, nella maggior parte dei casi, c’è anche il rigetto dell’opinione dei propri fratelli in fede. Si respinge il loro consiglio e ci si ostina a mantenere una concezione errata del proprio ruolo all’interno della chiesa locale.
[...]

2. Alcuni aspirano alla responsabilità d’insegnamento a causa di un desiderio carnale per l’autorità e l’attenzione connessa a tale ministero pubblico.
[...]

3. Alcuni aspirano ad un ministero d’insegnamento e predicazione a causa di una concezione errata della spiritualità.
[...]

4. A volte, si commette l’errore di intraprendere un ministero d’insegnamento a causa di una concezione inadeguata riguardo all’ampiezza delle qualifiche necessarie per tale scopo.
[...]

5. Altri intraprendono un ministero d’insegnamento a causa di bisogni psicologici d’identità personale mai soddisfatti.
[...]

6. Le sconsiderate ambizioni degli altri.
[...]

Estratto del secondo capitolo
I QUATTRO ELEMENTI ESSENZIALI DI UNA CHIAMATA GENUINA AL MINISTERO



Nel nostro primo studio sulla chiamata al ministero cristiano, abbiamo riflettuto su sei ragioni sbagliate per cui alcuni aspirano a tale opera. Ora, invece, considereremo i quattro elementi essenziali di una chiamata genuina al ministero pastorale. è necessario premettere che ciò che abbiamo considerato nel primo studio era valido anche per coloro che esercitano un dono d’insegnamento in una chiesa locale, mentre queste riflessioni riguardano quasi esclusivamente coloro che si sentono specificamente chiamati a svolgere l’ufficio di anziano, ossia coloro che, secondo le parole di Paolo, “si affaticano nella predicazione e nell’insegnamento” (I Timoteo 5:17). [...]



1. Prima di tutto deve esserci un desiderio per il ministero che provenga da giuste motivazioni.
[...]

2. In secondo luogo occorre che ci sia la presenza di quelle qualità spirituali e morali che evidenziano un’esperienza cristiana genuina e matura.
[...]

3. Il terzo elemento di una chiamata genuina al ministero è la presenza dei doni necessari per il suo adempimento.
[...]

4. Il quarto elemento è la possibilità di un ministero in una chiesa locale che manifesti l’approvazione di Dio e la guida della sua provvidenza.
[...]
Scrivi una recensione per questo prodotto

Commenti

Devi eseguire il login per aggiungere una recensione.


I clienti che hanno scelto questo articolo hanno scelto anche: