Il tuo account

I problemi, la presenza di Dio e la preghiera

I problemi, la presenza di Dio e la preghiera

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.
Disponibilità
Più di 15 copie con disponibilità immediata
Nostro prezzo  €10,00

Descrizione

I problemi personali vi hanno impedito di avvertire la presenza di Dio? ...Eccovi un aiuto! Preoccupazioni finanziarie, discordie matrimoniali, malattie, solitudine e tanto altro. Questo è scoraggiante e, a volte, aggraviamo i problemi pensando che essi siano le punizioni di Dio per peccati passati. Mediante insegnamenti biblici ed esperienze tratte dalla vita reale, Michael Wells fa comprendere come il nostro Padre Amorevole usi i problemi per attirarci più vicino a Lui nella fede, non per spingerci lontano da Lui rifiutandoci. Scopriamo che spesso prolunghiamo la prova perchè confidiamo nelle nostre forze per affrontarla: discutendo, deprimendoci, lavorando duramente, anzichè arrenderci e affidare a Dio il controllo completo della situazione.

Proprietà

ISBN: 9788880772644
Produttore:
Editrice Uomini Nuovi
Codice prodotto: 9788880772644
Peso: 0,190kg
Rilegatura: Brossura
Lingua: Italiano

Contenuto libro

PREFAZIONE; INTRODUZIONE; PROBLEMI CHE HANNO UNO SCOPO - I problemi sono normali; I credenti hanno bisogno dei problemi; L'imbuto di Dio; BLOCCHI STRADALI SULLA VIA STRETTA - Timori; Definizioni sbagliate; Auto - assoluzione; VITA ALLA SUA PRESENZA - Gioia alla Sua presenza; Preghiera alla Sua presenza; Condivisione della Sua vittoria.

Capitolo gratuito

Capitolo 1

I problemi sono normali?

Qual è la vita cristiana normale? è una vita che include lotte, problemi e avvenimenti che sembrano intaccare la gioia che dovremmo trovare in Cristo?
è normale avere problemi che derivano da desideri naturali come il cibo o la sessualità o lottare contro pensieri incontrollati o mancanza di disciplina? è così comune essere sopraffatti da agitazioni, ferite del passato, ricordi di fallimenti passati, sensi di inferiorità, insicurezze e perfino dal timore di essere rifiutati da Dio? Succede spesso di combattere per le finanze, la salute, per la presenza di un compagno di stanza odioso, per il coniuge o per un genitore? Sono domande cruciali per due motivi essenziali. Prima di tutto perché combattevamo già per queste cose prima di convertirci, quindi non avremmo mai immaginato di dover continuare a combatterle anche dopo aver conosciuto il Signore. E poi perché molti autori, relatori e guide cristiane hanno fatto credere che questo tipo di esperienza non faccia parte della vita cristiana normale, ma riveli, piuttosto, le carenze che derivano da una fede di serie B.
Mentre cerchiamo di comprendere il perché delle carenze della nostra vita, può capitarci di sentire testimonianze di cristiani vittoriosi che di rado parlano di qualche esperienza negativa vissuta dopo la conversione. La vita di tali credenti sembra, di solito, essere stata sempre una vita di vittoria, di lode e di potenza straordinaria! Con il passare del tempo, molti di noi arrivano ad accettare il fatto di essere credenti anormali: deboli, non saldi sulle basi sulle quali si dovrebbe essere fondati e privi dell’abilità, dell’intelligenza e della disciplina necessarie per vivere la vita vittoriosa che libera da ogni problema. E allora o rinunciamo o cominciamo a cercare di capire quale sia il metodo che possa metterci in grado di vivere una vita vittoriosa completa come quella che sperimentano certi cristiani.
Coloro che hanno problemi, però, possono sentirsi rincuorati perché, nel mio cammino con il Signore e nella mia interazione con varie persone, ho scoperto che i problemi sono un elemento naturale della vita del credente.
La vita cristiana normale non è esente da lotte, non è libera da fallimenti e non è una vita con le emozioni continuamente alle stelle. Anzi, la vita è piena di avversità, ma le avversità hanno uno scopo.
Vediamo che cosa dice Paolo apostolo “Poiché io ritengo che Dio abbia messo in mostra noi, gli apostoli, ultimi fra tutti, come uomini condannati a morte; poiché siamo diventati uno spettacolo al mondo, agli angeli e agli uomini. Noi siamo pazzi a causa di Cristo, ma voi siete sapienti in Cristo; noi siamo deboli, ma voi siete forti; voi siete onorati, ma noi siamo disprezzati. Fino a questo momento, noi abbiamo fame e sete. Siamo nudi, schiaffeggiati e senza fissa dimora, e ci affatichiamo lavorando con le nostre proprie mani; ingiuriati, benediciamo; perseguitati, sopportiamo; diffamati, esortiamo; siamo diventati, e siamo tuttora, come la spazzatura del mondo, come il rifiuto di tutti” (1 Corinzi 4:9-13).
Non si tratta di un testo biblico molto popolare presso coloro che parlano di prosperità, ma Paolo, scrivendo ancora una volta ai Corinzi, ritorna su questo aspetto della vita cristiana: “Noi siamo tribolati in ogni maniera, ma non ridotti all’estremo; perplessi, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; atterrati ma non uccisi; portiamo sempre nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo” (2 Corinzi 4:8-10).
Allora, qual è la vita cristiana normale? Spesso è una vita piena di problemi. Se comprendiamo che gli eventi avversi, le persone, la salute e le circostanze hanno uno scopo nella nostra vita, allora possiamo sottometterci sapendo che in ogni cosa c’è la mano di Dio. I problemi sono normali!
Spesso il disagio nella vita dei cristiani non deriva tanto dai problemi, quanto dal continuo esame di sé stessi. Si chiedono, spesso, che cosa ci sia di sbagliato in loro perché Dio permetta che accadano tali cose. La Scrittura fa comprendere in tante sue parti che ci saranno sofferenze, ma, oggigiorno, questo aspetto della vita cristiana normale viene trascurato, e questo impedisce, a molti, di sostituire lo scoraggiamento con l’incoraggiamento.
Voglio darvi un esempio. Quando mia moglie e io aspettavamo il nostro primo figlio, ci iscrivemmo a un corso che insegnava a crescere il bambino e ci fecero comprendere con chiarezza ciò che mia moglie e io avremmo sperimentato durante il processo della nascita, la terminologia che il medico avrebbe usato e insegnarono anche a mia moglie come cercare di alleviare il dolore con una serie di esercizi di respirazione. L’ospedale era pieno di pazienti la sera in cui nacque nostro figlio, perciò c’era solo una tenda che separava mia moglie e me da una ragazza giovane che doveva partorire. Durante le doglie del parto, mia moglie metteva in pratica le tecniche di respirazione ed entrambi ascoltavamo con la massima attenzione ogni parola detta dal medico e dall’infermiera. Mia moglie disse, successivamente, che tutta quella preparazione non alleviò il dolore, ma ebbe comunque l’effetto di mantenerci calmi perché eravamo stati messi al corrente di quanto sarebbe accaduto. La giovane vicina a noi gridò durante tutto il periodo del travaglio, perché nessuno le aveva detto ciò che doveva aspettarsi e quindi pensava che le facesse del male ciò che noi consideravamo il normale processo della nascita.
Ogni credente che cresce, dà continuamente vita a una vita spirituale più profonda; coloro che comprendono quale sia la parte di sofferenza che questo comporta, saranno in una situazione di riposo, perché sanno che l’esito finale sarà glorioso. Coloro che non sanno che i problemi della vita sono necessari per perfezionarli, attraverseranno la vita gridando, chiedendosi che cosa accada e lamentandosi della persona e delle persone che le hanno messe in tali condizioni. Manca in loro la gioiosa attesa di ciò che avverrà dopo che il dolore se ne sarà andato.
Fra i credenti, si parla molto di dare frutto e tanti hanno il desiderio sincero di portare frutto per far vedere a sé stessi che appartengono al loro Padre celeste. C’è però un aspetto riguardo al portare frutto, che viene spesso trascurato: può causare disagio e anche dolore.
Nel mio giardino c’è un albero di mele. Il tempo, quest’anno, è stato eccezionalmente favorevole per gli alberi da frutto e il mio melo si è talmente riempito di frutti che i rami sono arrivati a pochi centimetri da terra. Se non avessi rinforzato i rami che stavano quasi per spezzarsi, l’albero sarebbe stato seriamente danneggiato. Il melo ha sofferto per portare frutti utili agli altri; è quasi morto per dare vita. I frutti spirituali non sono per la nostra edificazione, ma per l’edificazione di coloro che ci circondano. Come accade all’albero, più frutto portiamo, più il Signore può permettere che veniamo stressati.
Il dolore è normale per il credente che porta frutto ed è normale anche un periodo di inverno che arriva poco dopo la stagione dei frutti. D’inverno sembra che l’albero non abbia vita, ma la forza che lo anima è nascosta alla vista nella parte più profonda dell’essenza della pianta: le radici. Là rimarrà per mesi e si rafforzerà per quello che sarà rivelato nella primavera imminente.
Sono pochi i credenti che hanno imparato a gioire dell’inverno, quando non ci sono sensazioni, frutti e non c’è quasi espressione di vita, ma solo il lavoro silenzioso e nascosto di Dio nella parte più profonda dell’essere umano: il suo spirito. L’inverno è normale; i momenti di dolore sono normali; l’aridità è normale; l’avversità è normale. Tutto è necessario per liberare la vita che il credente ha dentro di sé: la vita di Cristo.
Se ci sottomettiamo alla vita cristiana normale e vediamo nel mezzo dei problemi la mano di Dio che ci ammaestra, ci dirige e libera, impariamo alcuni dei segreti più profondi. Grande parte di quello che non eravamo mai riusciti a capire leggendo la vita di grandi credenti come Paolo, diventerà reale mediante la nostra esperienza personale.
Personalmente non ero mai riuscito a comprendere l’affermazione di Paolo “ingiuriati, benediciamo”. Era una frase che avevo memorizzato, quindi era nella mia mente, ma la verità non aveva mai compiuto i quaranta centimetri di viaggio per scendere dalla mente al cuore fino al giorno in cui si presentò un problema. Lavoravo in un altro paese e ricevetti una telefonata da mia moglie che mi informò che una somma di denaro che dovevo ricevere da un amico a cui l’avevo prestata, non sarebbe stata più restituita, mai più! Si rifiutava di darmi ciò che era mio. Avevo cominciato il viaggio con la certezza che, mentre ero lontano, mia moglie sarebbe stata in grado di pagare i conti della casa, di fare gli acquisti giornalieri e di affrontare tutte le spese necessarie. La mia certezza era legata alla disponibilità del mio amico a darmi quello che mi doveva. Quando seppi che non sarei stato pagato, la mia prima reazione fu di rabbia. Come poteva fare una cosa simile? Come osava? Chi pensava che io fossi?
Finita la conversazione con mia moglie, mi resi conto che, a causa della mia preoccupazione per la casa e la rabbia, non potevo uscire e andare a predicare al gruppo di credenti in attesa. Caddi sulle ginocchia e cominciai a pregare notificando a Dio tutta la mia frustrazione e la sua pace cominciò a scendere lentamente su di me. Nella sua luce riuscii a vedere la luce: la provvidenza giornaliera non dipendeva dall’uomo, ma da Dio, era lui che provvedeva a me. Che pensiero glorioso! Non dovevo confidare nell’uomo, che è inaffidabile, potevo confidare in Dio, che è sempre fedele. In quel momento ero libero da ogni legame con la ricchezza di questo mondo; il Figlio mi aveva reso libero davvero. La mia risposta al Signore fu la decisione di liberare quell’uomo dal suo debito, appena tornato a casa. Gli avrei dato il denaro che lui doveva me, ero libero da quell’uomo fino a questo punto!
Mi alzai con il cuore, come disse una volta Hudson Taylor, “leggero come le mie tasche” e pronto a condividere con i credenti il mio Dio, il Dio di ogni provvidenza. Quando entrai nell’atrio, un uomo venne verso di me e mi mise in mano un assegno che era dieci volte la somma che avevo perduto.
Che cambio favorevole! Stavo sperimentando una delle leggi fondamentali del regno: “Perché la nostra momentanea, leggera afflizione ci produce un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria” (2 Corinzi 4:17). Vedevo che il cambio, nel regno di Dio, è estremamente favorevole: diamo poco e riceviamo molto. Se tanto poté derivare da questo semplice atto di negazione di me stesso, che cosa sarebbe successo se avessi deciso di prendere la croce e di rinnegare me stesso in tutte le aree riguardanti il mio rapporto con gli altri?
Mentre ero a letto, quella sera, il mio cuore era pieno di gratitudine per ciò che poco prima era stato un problema. Chiesi al Signore di benedire il fratello che mi aveva ingannato, perché per mezzo di lui mi era arrivata una benedizione enorme. Senza le sue azioni non avrei mai potuto imparare così chiaramente che Dio è colui che provvede a me e da allora quella lezione mi ha dato pace in mezzo a tante avversità. Mentre uscivano dalla mia bocca parole di benedizione per questo fratello, mi resi conto che Cristo in me aveva dato compimento alle parole di Paolo: “ingiuriarti, benediciamo”. Ora ero più entusiasta che mai e ora so che quando nasce un problema, Dio opererà sempre qualcosa di meraviglioso in me e perciò posso benedire coloro che mi maledicono.
Un giorno, mentre stavo terminando il colloquio con una donna che aveva difficoltà con il marito, le diedi un compito. Era una cosa apparentemente piccola e semplice da fare. Durante la settimana doveva abbracciare il marito ogni volta che diceva qualcosa di negativo o di tagliente su di lei. Lei scherzò dicendo: “Non è meglio darmi da leggere un libro?” Sapeva bene le difficoltà insite nel fare anche la più piccola delle azioni che richiedono il rinnegamento del proprio io. Due settimane dopo tornò e cominciò a raccontare i cambiamenti che erano avvenuti e il nuovo senso di libertà che cominciava a sperimentare; non aveva più l’assillo di dover agire per dimostrare qualcosa agli altri, era libera dai sensi di inferiorità e anche dall’ansia che arriva quando si protegge il proprio io e lo si innalza. Possiamo vedere facilmente che il frutto derivato da questo problema con il marito andò ben oltre il dolore che il problema aveva causato.
La vita cristiana normale è una vita di problemi, ma ricordiamo sempre che ogni problema è passato fra le mani di un Padre amorevole e porta con sé, prima ancora di arrivare, uno scopo intrinseco ben preciso. Coloro che sono nel mezzo dell’afflizione di solito non vedono lo scopo nascosto, ma chi ha esperienza della sofferenza sa che c’è qualcosa di glorioso in essa. I problemi sono il mezzo principale che Dio ha per portarci all’esaurimento delle nostre risorse e per farci sperimentare la profondità di tutte le sue ricchezze.
Uno dei metodi più efficaci per domare un cavallo è di metterlo su un piano inclinato, di montarlo e di liberarlo in un’arena piena di sabbia. è interessante guardare il cavallo mentre corre in moto circolare combattendo le profondità create dalla sabbia finché non gli esce schiuma dalla bocca e alla fine, quando non è più in grado di mettere un piede davanti all’altro, cede. A questo punto il cavallo non va più dove vuole, ma permette al cavaliere di dirigere ogni sua mossa.
Anche nella vita dei credenti la spezzatura funziona così. Andiamo a Cristo ancora pieni di sforzi personali, di volontà personale e di energia, non siamo pronti a dare le redini allo Spirito Santo. Dobbiamo essere messi in situazioni che assomigliano tanto alla sabbia profonda: guai, circostanze, rapporti interpersonali in cui ogni tentativo di liberarci porta solo esaurimento più profondo dell’anima. Alla fine siamo spezzati, siamo pronti a dire: “Non ci riesco!” e lasciare che sia lo Spirito Santo a dirigere ogni mossa.
A questo punto l’anima (mente, volontà ed emozioni) il corpo e il mondo sono separati dallo spirito. Dio ha messo la sua propria vita nel nostro spirito per renderlo una cassa del tesoro in cui è racchiuso tutto ciò che gli uomini desiderano e di cui hanno bisogno: amore, sicurezza, accettazione, pace e riposo. Ma noi siamo troppo abituati a guardare a noi stessi e agli altri per cercare di scoprire queste ricchezze. Dio permette che tutto ciò che non fa parte del regno dello spirito ci deluda, perché, in questo modo egli separa lo spirito da ogni altra cosa e ci obbliga a guardare solo allo spirito per avere risposta alle nostre necessità più profonde. è un processo doloroso mentre si viene meno, ma il risultato sarà meraviglioso perché non si agirà se non mossi dallo Spirito. Questi credenti imparano a vivere non delle cose del mondo, ma al di sopra di esse, e non cercheranno dagli altri la risposta alle loro necessità, ma saranno pieni di Spirito Santo fino a traboccare e in grado di offrire ad altri traendo dall’abbondanza del loro spirito nel quale è aperta la cassa del tesoro.
Questo processo di spezzatura è stato chiamato “la notte scura dell’anima”. Noi camminiamo nell’oscurità, senza la consapevolezza della presenza del Signore e senza soddisfazione in tutto quello che esiste al di fuori dello Spirito. In quei momenti siamo confrontati dal fatto che, anche se la nostra bocca proclama che c’è pace in Dio soltanto, il nostro cuore è attratto dalla “concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita” (1 Giovanni 2: 16) per avere un minimo di soddisfazione. Lo scopo della nostra vita è stato il benessere, non la maturità e la completezza in Cristo e per questo accettiamo le positività della vita e disprezziamo ogni negatività. Il processo di spezzatura farà sì che, alla fine, noi guardiamo oltre i confini del benessere e scopriamo che ciò di cui abbiamo bisogno nella vita è sapere che Dio è sul trono.
Non tanto tempo fa, un amico mi disse che una volta aveva perso parecchi milioni di dollari. L’economia aveva fatto una svolta brusca nella parte del paese in cui viveva e aveva cominciato a perdere un affare dopo l’altro. Non era stato solo in questa situazione. Si era messo in contatto con un conoscente che era in una situazione simile alla sua e gli aveva chiesto come pensava di salvare la sua fortuna. Egli gli confidò che doveva parecchi milioni di dollari a una banca e che sarebbe andato immediatamente in banca per dichiarare fallimento. Disse che non avrebbe trattenuto nulla per sé, ma avrebbe detto alla banca che aveva intenzione di ritirarsi dagli affari. Il mio amico fu un po’ confuso da tale decisione e chiese se non sarebbe stato più opportuno combattere, fare un piano e cercare di escogitare qualcosa per difendere il suo impero finanziario. L’altro rispose così: “Debbo milioni alla banca. Posso lavorare per restituirli, assumendomi ogni responsabilità o posso dichiarare il fallimento. Se dichiaro fallimento, la banca ha investito troppo su di me per lasciarmi andare alla deriva e si sentirà obbligata, avvertirà la responsabilità, il desiderio di cercare di impedirmi di essere completamente sopraffatto e sarà anche suo interesse che questo non accada!” Entro pochi anni il mio amico che scelse di combattere per salvare la sua fortuna, perse tutto. La persona che aveva dichiarato bancarotta diventò miliardario grazie all’aiuto ricevuto dalla banca.
Mentre camminavo in montagna il giorno successivo, pensavo a quanto aveva detto l’amico del mio amico; era giusto pensare che la banca, avendo investito tanto denaro, cercasse di impedire in ogni modo che il milionario perdesse ogni avere. Il pensiero successivo fu: “Quanto ha investito Dio in noi? Ha investito suo Figlio stesso che vale ben di più di tanti milioni di dollari. Avendo investito suo Figlio ha investito troppo in ognuno di noi per permettere che andiamo alla deriva!”
Basta che dichiariamo il nostro fallimento personale, che smettiamo di lavorare e di pianificare e che guardiamo a Dio solo allora egli completerà ciò che è stato iniziato. Il fatto stesso che Dio abbia investito il suo Figlio in noi dovrebbe far cessare ogni pensiero di dubbio che possiamo avere. Mi aiuterà all’interno della mia famiglia? Mi aiuterà finanziariamente? Cristo crescerà in me? Sarò mai liberato dal mio peccato e dal senso di fallimento? Sentirò mai Dio vicino a me? Certamente Dio ci aiuterà a superare gli ostacoli, ha investito troppo in ognuno di noi per non farlo.

“Colui che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per noi tutti, non ci donerà forse anche tutte le cose con lui?” (Romani 8:32).

I clienti che hanno scelto questo articolo hanno scelto anche:

Scrivi una recensione per questo prodotto

Commenti

Devi eseguire il login per aggiungere una recensione.

Iscriviti alla Newsletter della CLC, ti terremo aggiornato sulle novità, le promozioni e molto altro.

La CLC è un'organizzazione internazionale che ha come scopo la distribuzione di Bibbie, Libri Cristiani e una vasta gamma di prodotti con contenuti Cristiani. La CLC opera in 49 paesi. È rappresentata da più di 170 librerie, 20 centri distribuzione e 18 case editrici. La CLC opera in ogni nazione in forma autonoma, unita però dalla stessa visione.
Conosci di più sulla CLC

Informativa sulla privacy. La e-libreria cristiana è un servizio offerto da Centro del Libro Cristiano S.r.l.. P.IVA: 10391600011.
Copyright © 1999-2017 CLC S.r.l., tutti i diritti riservati.