Il tuo account

Le confessioni (Cartonate in brossura - Cur. A. Landi)

Le confessioni (Cartonate in brossura - Cur. A. Landi)

  0.00
Puoi votare questo prodotto se esegui il login.

Solo su prenotazione - Tempi in base al fornitore

Disponibilità
Prodotto terminato - Solo su prenotazione
Nostro prezzo  €9,00

Descrizione

Agostino ha scritto le COnfessioni tra il 397 e il 400, quando era circa quarantacinquenne. Da poco più di dieci anni aveva avuto la crisi religiosa decisiva, e nella veglia pasquale del 387 era stato battezzato dal Vescovo di Milano, Ambrogio. In quest'opera egli narra la sua vita, e soprattutto l'esperienza spirituale che accompagnò la sua conversione, in un continuo dialogo con Dio. Agostino santo ci presenta Agostino uomo in una riflessione introspettiva che coglie la presenza di Dio, "più intimo della propria intimità", in ogni momento della vita. Sii tratta di una "confessione" nel duplice senso che il Latino da' a questo termine: confessare la propria miseria, confessare la grandezza della misericordia di Dio. Per questo, dopo sedici secoli, l'uomo in ricerca trova in questo libro un po' di se stesso, un po' delle proprie "confessioni". Introduzione, traduzione e note di Aldo Landi.

Proprietà

ISBN: 9788831522526
Produttore:
Diffusione San Paolo
Codice prodotto: 9788831522526
Peso: 0,320kg
Lingua: Italiano
Scrivi una recensione per questo prodotto

Commenti

Devi eseguire il login per aggiungere una recensione.

Agostino d'Ippona
Aurelio Agostino nacque a Tagaste in Numidia (l'attuale Algeria) nel 354. Studiò retorica e filosofia a Cartagine. Dopo anni di sbandamento morale e dopo aver aderito alla setta dei Manichei, lasciò l'Africa, abbandonando la sua donna e il figlio, e si recò prima a Roma e poi a Milano. Qui, grazie anche ai colloqui con sant'Ambrogio, si convertì al cristianesimo, e nel 391 fu ordinato prete, per poi essere eletto vescovo della città africana di Ippona. Autore di numerosissime opere, che fanno di lui uno dei più importanti Padri della Chiesa, morì a Ippona nel 426.

Dello stesso autore